L’ACQUA SI SCALDA AL SOLE, IL RITORNO ALLE ORIGINI

Navigando su internet spesso ci si imbatte in incomprensibili sistemi per il riscaldamento dell’acqua nelle abitazioni. Ma la domanda che ci poniamo è sempre la stessa: quale migliore sistema possiamo valutare per accantonare problematiche riguardanti consumi elevati a discapito della sostenibilità ed il benessere?

Da un po’ di tempo a questa parte la nostra generazione si è imbattuta in una tecnologia sempre più spinta, che rivaluta il tema ambientale con un occhio di riguardo anche al risparmio delle famiglie.

Gli ultimi studi sui sistemi di riscaldamento dell’acqua sanitaria hanno riportato la loro attenzione alle origini, quando le nostre nonne scaldavano l’acqua al sole e riuscivano a soddisfare i bisogni della famiglia solo affidandosi al volere della natura.

Ovviamente oggi non è più così, siamo abituati ad avere sofisticati sistemi e non possiamo scendere ai compromessi del passato. Per questo motivo sono nati impianti come i ‘sistemi termici monoblocco’ che catturano l’aria circostante utilizzandola per scaldare l’acqua e per rifornire così la famiglia del confort di cui necessita.

L’idea è senz’altro un’alta e concreta interpretazione di sostenibilità.

Per la produzione di acqua calda non vengono impiegati combustibili inquinanti ed è inoltre possibile, per completare a 360 gradi l’efficienza di tali impianti, abbinarli ad un moderno sistema fotovoltaico.

I rendimenti sono ottimi e, rispetto ai sistemi ormai obsoleti, permettono un buon risparmio in termini energetici ed in bolletta.

È inoltre importante considerare anche che l’investimento diventa molto allettante con i nuovi ecobonus, in particolare se si abbina il sistema termico ad un sistema fotovoltaico.

È necessario rivolgersi sempre ad un professionista per il recupero delle informazioni di cui necessitiamo e, nota fondamentale, una volta scelto il prodotto decidere quale azienda sia più adatta e performante per le nostre esigenze.

Cara nonna, ti ringraziamo per i tuoi consigli!

Condividi l'articolo