CAMBIAMENTO GREEN

I nostri stili di vita si basano su ritmi frenetici di lavoro, pasti frugali sulla scrivania e notti insonni.

Il cambiamento deve essere drastico, questo ce lo dicono da ormai qualche anno gli psicologi, i sociologi e gli ambientalisti.

Cattive abitudini vanno di pari passo con un cattivo stile di vita.

E’ necessario quindi aumentare la consapevolezza, sensibilizzare le nuove generazioni per interrompere azioni che non sono più sostenibili.

Per vivere bene non è necessario consumare risorse, sfruttare materie prime, consumare acqua potabile senza limiti.

Anche le nostre abitazioni vanno riadattate considerando che il riscaldamento è uno dei principali problemi che causano inquinamento per opera di impianti obsoleti o malfunzionanti.

Nel contesto Europeo l’Italia rimane comunque l’unica nazione ad aver già raggiunto il 17,8% di copertura dei consumi attraverso l’impiego di energie rinnovabili. In contro tendenza vediamo gli Stati Uniti che hanno aumentato i loro consumi energetici del 10% tra il 2017 ed il 2018 e solo il 12% viene esaudito dalle energie rinnovabili; la fetta più grossa viene invece soddisfatta ancora dalle fonti fossili.

Questi dati ci insegnano che gli italiani sono un popolo virtuoso in merito alle scelte legate all’impiego di energie rinnovabili, ma la strada è ancora lunga da percorrere; basti pensare che la maggior parte della popolazione mondiale non è stata ancora abbastanza sensibilizzata al problema delle immissioni di CO2 nell’atmosfera.

Più della metà delle abitazioni dove viviamo supera i 30 anni di vita, portando l’edificio a diventare un grande consumatore di energia con classe energetica C od inferiore a C.

Il nuovo bonus appena introdotto dal nostro Governo permette, con un basso investimento, di migliorare il livello energetico della nostra casa anche di 2 classi, per questo sono necessari degli interventi sui consumi che possono abbattere di molto i nostri costi, migliorando lo stile di vita che ormai la società ci impone.

Quindi uno stile di vita sano prevede anche una salubrità dell’ambiente in cui viviamo.

Condividi l'articolo